fbpx

Creatività, inclusione, ricerca, sostenibilità, network, altissima qualità e internazionalità, sono alcune delle parole chiave che definiscono Artistar Jewels 2019, il progetto ideato da Enzo Carbone nel 2014, oggi punto di riferimento per tutti gli artisti e designer del gioiello contemporaneo. Oltre 500 creazioni provenienti da tutto il mondo con il patrocinio del Comune di Milano e di CNA Federmoda in mostra a Palazzo Bovara durante la Milano Fashion Week, un appuntamento che la Camera Nazionale della Moda Italiana ha incluso nel calendario ufficiale tra gli eventi di interesse culturale.

I vincitori del contest Artistar Jewels 2019 sono Sowon Joo, Veronika Kuryanova e Bia Tambelli. I tre premiati si sono aggiudicati l’Artistar Jewels Award,consegnato il 22 febbraio da Enzo Carbone, CEO e Founder di Artistar Jewels, e di diritto parteciperanno gratuitamente all’edizione 2020.

La designer coreana Sowon Joo, laureata presso la Seoul National University, lavora nei settori gioielli e scultura da oltre vent’anni. Tra i pezzi più apprezzati una grande collana scultura in oro lavorata all’uncinetto a forma di cuore, con al centro un pendente in quarzo rutilato.La russa Veronika Kuryanova è laureata presso la Moscow State Stroganov Academy of Design and Applied Arts con un master presso la MIREA – Russian Technological University tra i pezzi presentati alcuni anelli in bronzo e smalto dalle grandi dimensioni e dai colori accesi che raccontano la vitalità di continenti quali Australia e Sud America.

Bia Tambelli è una giovane designer con origini italiane, nata e cresciuta in una terra ricca di pietre preziose: il Brasile. Per Artistar ha presentato pezzi geometrici e raffinati della collezione Trinity in oro, diamanti e cristallo di rocca che esprimono un ordine spirituale tra Dio, il cosmo e l’uomo. Forma e materiali sono accuratamente selezionati per aumentare l’energia e la forza di chi li indossa.

Una menzione speciale è stata assegnata all’artista e creatrice di bijoux americana Nita Angeletti di origini italiane, ma nata e cresciuta a New York, per i suoi “Wearable Art” Accessories.Durante la serata sono stati assegnati altri riconoscimenti a Lindsey Fontijn, Michelle Lung, Denis Sozin, Elena Franceschetti, Anna Maccieri Rossi (a lei la Scuola Orafa Ambrosiana ha anche assegnato un corso), Anna Zeibig, Naybe Warchausky che ha presentato interessanti gioielli di design in vetro di Murano, Yichen Dong con i suoi gioielli ironici dallo stile contemporary e customizzabili. Ana Margarida Carvalho parteciperà alla mostra “Remains of the Feast” organizzata da Assamblage – The National Contemporary Jewellery Association a Bucharest in Romania.

Tra le gallerie e i concept store coinvolti, Creativity Oggetti – Torino, 158 Studio – Sorrento, Galeria Galataca – Bucarest, Galerie Beyond – Antwerpen, Galeria Yes – Poznan, Eleni Marneri Galerie – Athen, Galerie Elsa Vanier – Paris, Upper Concept Store – Paris, CBijoux – Monthey, Galeria Tereza Seabra – Lisbon,  39a Concept Store – Lisbon, Bini Gallery – Melbourne, Alice Floriano – Porto Alegre, Ame Gallery – Hong Kong.

Quando sei anni fa decisi di fondare questo progetto, il gioiello contemporaneo a Milano e in Italia era un fenomeno quasi del tutto sconosciuto anche se già molto apprezzato e in espansione in Europa e in alcuni Paesi nel resto del mondo. In sei anni le cose sono cambiate molto: oggi vedo una società che apprezza sempre di più l’unicità a discapito del conformismo” ha detto Enzo Carbone fondatore di Artistar Jewels.

Tutti i lavori in mostra sono acquistabili sull’e-commerce artistarjewels.com e ogni progetto è raccontato nel volume Artistar Jewels 2019 edito da Fausto Lupetti e distribuito a livello internazionale.

Denis Sozin, ring

Michelle Lung

Lindsey Fontijn, Icon II, anello, ottone, rame, argento

Elena Franceschetti, All I Need-The Kiss Gustav Klimt, spilla