fbpx

Un concorso e una mostra internazionale di gioiello contemporaneo d’autore. Gioielli in Fermento suggerisce il tema dell’evoluzione e dell’affinamento, riferito alla maturità del percorso intrapreso in questi ultimi anni dagli autori e dalle loro opere. I dolci profili collinari con i vigneti della Val Tidone e delle terre rosse a sud del Po costituiscono da diversi anni lo scenario di ispirazione mediterranea aperto al pubblico di appassionati e studiosi del gioiello di ricerca.

Proseguendo nel gioco di connessioni tra vino e gioiello d’autore, e sempre utilizzando le “parole del vino” per affrontare nuovi temi, con il decimo anniversario della competizione, viene proposta qualche riflessione. E’ tempo di indagare come questo fermento abbia pervaso dieci anni di mostre e racconti sul rapportarsi degli autori del nostro tempo al vivace contesto che ci circonda e se tutto questo abbia lasciato una traccia consistente.

Nel corso delle varie edizioni, ospitate dalla città di Castel San Giovanni (Piacenza) e sempre ideate e coordinate da Eliana Negroni della AGC Associazione Gioiello Contemporaneo, si sono trattati temi di convivialità, panorami e sfumature mediterranee, stili di vita, memorie, colori, emozioni, radici e territori, materiali. Verso quale direzione evolverà la prossima stagione? Lo scopriremo alla mostra del prossimo 10 maggio a Villa Braghieri con l’aiuto della giuria degli esperti nominata per l’occasione: Alba Cappellieri, professore ordinario al Politecnico di Milano, direttore Museo del Gioiello di Vicenza; Renzo Pasquale, artista e docente Arte dei Metalli e dell’oreficeria al Pietro Selvatico di Padova; Olga Zobel, gallerista, Galerie Birò di Monaco di Baviera.Al vincitore del concorso andrà il Premio Gioielli in Fermento in collaborazione con JOYA Art Jewellery & Objects e Archivio Negroni Milano, con opportunità espositive internazionali e workshop di ricerca condiviso con l’artista orafo Gigi Mariani a Milano. Il concorso è sostenuto da Allied Group, gruppo internazionale con un forte spirito di appartenenza al territorio della Val Tidone.Sono previste inoltre due categorie riservate agli studenti per coinvolgere allievi a partire dalle scuole secondarie superiori (è ammesso presentare disegni e progetti e/o prototipi e oggetti finiti) e specializzandi o neo diplomati nelle discipline artistiche e connesse al design del gioiello e alla formazione superiore nei mestieri d’arte, che concorreranno al Premio Città di Castel San Giovanni in collaborazione con LAO-Le Arti Orafe Jewellery School.Per la X edizione, il tema, dalla fermentazione porta all’invecchiamento e all’evoluzione con lo scopo di comunicare qualcosa di ancora più compiuto e oltre lo stato intrinseco di maturazione.

L’opera vincitrice esprimerà una singolare energia creativa, quella individualità originale dei gioielli dello studio di ricerca che rappresenta l’idea del fermento contemporaneo (irrequietezza, eccitazione, trepidazione, sconvolgimento …) attraverso la maturità del percorso, vissuta dal suo autore.

Gli artisti presenteranno un ornamento per il corpo mettendosi alla prova sul tema, evocando tratti descrittivi o concettuali secondo la propria ispirazione. L’indiscutibile scelta della giuria rispetterà l’essenza dell’opera e la sua coerenza all’interno della collezione che sarà messa in mostra per il decimo anniversario di Gioielli in Fermento.
La giuria

I premi di Gioielli in Fermento saranno assegnati da una giuria che viene selezionata ogni anno:
– Alba Cappellieri, Milano (Italy), docente of Design del Gioiello e Accessori al Politecnico di Milano e direttore del Museo del Gioiello of Vicenza.
– Renzo Pasquale, Padova (Italy) artista e insegnante del dipartimento orafo della P. Selvatico Art School di Padova.
– Olga Zobel, fondatrice e direttore della Galerie Birò (Munich, Germany – Cagnes sur Mer, France)

 

Premi in collaborazione con:

 

Il bando di partecipazione scade il 5 marzo.

La scadenza per le iscrizioni alla sezione scuole e studenti è estesa al 31 marzo.

 

Contatto:

Eliana Negroni, gioiellinfermento@gmail.com, mob + 39 335 8083039