fbpx

Design esperienziale, progetti di Intelligenza Artificiale e le ultime tecnologie in tema di musica sono tra i temi di cui si parlerà al Sónar+D 2019. Il congresso dedicato alle tecnologie creative si terrà, solo per quest’anno in luglio, fuori dal calendario abituale, il 17, 18, 19 e 20 luglio, in parallelo con Sónar by Day, alla Fira Montjuïc di Barcellona. Sónar + D 2019 riunirà nella capitale catalana nomi e progetti chiave che stanno plasmando il futuro del design, della musica e delle tecnologie in ambito creativo. All’edizione di quest’anno sono attesi 20.000 partecipanti, circa 5.000 professionisti di 2.100 aziende di oltre 60 paesi.

L’appuntamento è anticipato da Voices of Sónar+D for ME by Meliá, tre eventi a Madrid, Londra e per la prima volta Milano il prossimo 16 maggio.

Gli assi tematici di questa settima edizione sono la progettazione di esperienze come linguaggio creativo per eccellenza del nostro tempo (installazioni, videogiochi, realtà virtuale o aumentata e esperienze audiovisive). Poi, oltre alle più recenti innovazioni tecnologiche nel settore della musica e del suono, si parlerà di intelligenza artificiale come strumento per la creazione artistica.

EXPERIENTIAL DESIGN

Conferenze e workshop sul tema del design esperienziale di artisti e aziende leader nel settore. Come il prestigioso teamLab studio – uno studio interdisciplinare di tecnologia digitale immersiva riconosciuto a livello mondiale come il più influente nel campo della creazione digitale. Per approfondire il loro universo e la loro carriera attraversata da grandi opere interattive al crocevia di arte, scienza e tecnologia, un incontro con Honor Harger, direttore del ArtScience Museum di Singapore, la cui collezione permanente è opera di teamLab.Tra i partecipanti anche i fondatori di Nómada Studio, creato a Barcellona dall’illustratore Conrad Roset, e i programmatori Roger Mendoza e Adrián Cuevas, che sveleranno i segreti di Gris, un videogioco artistico con grandi ricadute internazionali e acclamato dalla critica, oltre ad aver vinto un premio Annie, l’Oscar del settore dell’animazione.

CANADA,

creatore di video musicali e cortometraggi per Rosalía, Tame Impala, Bad Gyal o Justice (tra molti altri) parteciperà a Sónar + D con una conferenza e un workshop darà accesso privilegiato al proprio processo creativo.

Aderisce al programma anche il duo di Barcellona Hamill Industries, formato dai registi, creativi e artisti dei mixed media Pablo Barquín e Anna Diaz, i cui lavori fondono narrativa e tecnologia per creare immagini dal vivo, installazioni artistiche e videoclip. Sono noti soprattutto per il loro continuo lavoro con Floating Points con cui sono stati in tour per due anni. Hamill Industries offrirà un workshop sulla programmazione laser.

Come programmatore di musica contemporanea al Barbican Centre di Londra, Chris Sharp ha ampliato l’offerta di questo centro artistico nel campo della musica elettronica e degli spettacoli audiovisivi, provocando collaborazioni tra artisti e curando concerti esclusivi. Sharp è co-curatore con Zara Stanhope del Padiglione della Nuova Zelanda alla Biennale di Venezia che presenta il lavoro dell’artista Dane Mitchell.

Sonar360° by MEDIAPRO, la cupola dedicata al lavoro audiovisivo fulldome, torna con una selezione esclusiva di pezzi audiovisivi immersivi proiettati circondando il pubblico di immagini e suoni a 360°. MEDIAPRO presenta in anteprima una sua produzione esclusiva per Sónar + D.

 

INTELLIGENZA ARTIFICIALE APPLICATA ALLA CREATIVITA’

L’intelligenza artificiale sta diventando sempre più importante nel campo della creazione artistica. Tra i nomi ad oggi confermati il tecnologo giapponese Daito Manabe che, in collaborazione con il neuroscienziato Yukiyasu Kamitani, con un innovativo spettacolo dal vivo e una conferenza rivela la personale ricerca focalizzata sull’uso dell’intelligenza artificiale per rendere visibile il contenuto dei nostri pensieri.

Gli artisti americani Holly Herndon e Mat Dryhurst presenteranno il loro “baby” Spawn, un’applicazione informatica intelligente che utilizza tecniche di machine learning e AI applicate all’elaborazione vocale. Spawn “impara” dalle voci dei suoi “genitori” e di altri artisti che partecipano all’ultimo spettacolo di Holly Herndon.

 

LUCE E SUONO

“Audible Spectrums” è uno spettacolo ispirato alla tecnologia analogica e all’estetica retro-futuristica di Hamill Industries & Shelly di Barcellona. L’italiano Quiet Ensemble presenta “Back Symphony”, un’esplorazione dal vivo di luci, luci stroboscopiche, cavi ed elettricità. Lotic sarà accompagnato dal maestro del lighting design Emmanuel Biard nel suo spettacolo “Endless Power”. I Berlinist di Barcellona eseguono uno speciale concerto audiovisivo della loro colonna sonora per l’innovativo videogioco Gris. La performance sarà accompagnata in tempo reale, dalle immagini del gioco, innescate dai suoi creatori, Nomada Studio.

 

Voices of Sónar+D for ME by Meliá

Dopo il successo della precedente edizione, Voices of Sónar+D for ME by Meliá torna a Madrid, Londra e per la prima volta Milano con una serie di conferenze sul tema dell’esperienza progettuale con alcuni dei principali studi del momento. Tre eventi realizzati con la tecnologia immersiva Broomx, negli hotel ME Madrid e ME London, e al ME Milan il 16 maggio. Una conversazione con Marco Mancuso, Digicult, José Luis de Vicente, Sonar+D, Marco Ferrari e Elisa Pasqual, fondatori di Studio Folder. Studio Folder è una agenzia di design e visual research di base a Milano.

Sónar e Sónar+D sono un’iniziativa organizzata in collaborazione con l’Ajuntament de Barcelona e con il Dipartimento della Cultura della Generalitat de Catalunya.