fbpx

Sanlorenzo, eccellenza della nautica a livello internazionale, riconferma la propria affinità con il mondo dell’arte, e, in occasione di Art Basel Miami Beach 2018 nella Collector’s Lounge, presenta una installazione immersiva realizzata dall’art director dell’azienda Piero Lissoni in omaggio all’artista, Alberto Biasi, tra i principali esponenti dell’arte ottico cinetica, in collaborazione con la galleria Tornabuoni Arte.L’azienda che nel corso degli anni ha spinto sempre più in là i propri confini, abbracciando linguaggi e forme espressive di realtà affini come il design e l’arte, ha infatti recentemente firmato di un accordo di global partnership con Art Basel, la fiera d’arte moderna e contemporanea più significativa sulla scena internazionale, che lo vedrà partecipare come partner esclusivo, nel proprio settore, agli appuntamenti annuali di Hong Kong a marzo, Basilea nel mese di giugno e Miami Beach a dicembre.

Il progetto dell’art director interpreta la poetica delle “Gocce” di Alberto Biasi, parte del ciclo di opere “Rilievi ottico dinamici”, create dalla sovrapposizione di strutture lamellari giocate sull’effetto di cromatismi contrastanti e attivati dal movimento dello spettatore. La lounge Sanlorenzo è così trasformata in un’installazione luminosa che riproducendo sulle pareti l’opera “Puzzle”, esposta proprio all’interno dello spazio, ne replica e amplifica l’effetto optical concepito dall’artista. L’opera si muove con il visitatore che diventa anche attore, circondandolo e mutando a seconda del suo punto di vista. Esposti in sequenza lungo un lato della lounge, all’interno di teche in vetro, i modellini metallici dei Superyacht Sanlorenzo riflettono i pattern visivi del quadro modificandosi e muovendosi con lui in un dinamismo percettivo ed emotivo, come viene raccontato nelle parole dell’artista: “Nei miei quadri sia le forme sia il movimento appaiono non perché reali ma esclusivamente in conseguenza del nostro modo di percepire. Le forme e il movimento sono pure apparenze create da chi guarda l’opera. È quanto accade nella serie “Gocce”: la magia dei cerchi, pazientemente evocati sulla doppia struttura diversificata nei giochi percettivi fra fondo e superficie, in base ai ritmi delle lamelle prende a muoversi, a chiamare in presenza nuovi cerchi d’ombra che, con il tuo spostarti, si dinamizzano, salgono e scendono in relazione al tuo movimento a sinistra o a destra, oppure camminano orizzontalmente. Quest’opera che vive e si muove con te suscita uno stupore che mi ricorda alcuni momenti della mia esperienza con la natura, momenti contemplativi che mi hanno affascinato: Una goccia cadeva sulla quieta distesa di uno stagno? Oppure una minuscola bolla gassosa affiorava in superficie? Qualunque fosse la causa, i miei occhi si concentravano sull’increspatura liquida e sulla riflessione luminosa: la mia mente vedeva lo scaturire del cerchio, il suo espandersi e lo scomparire…”. (Alberto Biasi)

L’installazione di Piero Lissoni mostra così ancora una volta la relazione tra Sanlorenzo e l’arte e la capacità del linguaggio artistico di raccontare l’azienda secondo nuove prospettive: l’apice dell’esperienza, artigianalità e innovazione di Sanlorenzo prendono qui forma nei modelli di superyacht esposti come opere d’arte che cambiano con l’opera di Alberto Biasi svelando ad ogni sguardo dettagli e aspetti diversi.