fbpx

GLOBAL, INTERCULTURAL, FEMININE, QUEER AND RADICAL.

Gli oltre centomila partecipanti al Sónar 2019 di Barcellona, provenienti da oltre 120 paesi, hanno potuto constatare quanto l’avanguardia della musica contemporanea sia guidata dalle donne e dai suoni dell’emisfero sud del mondo.Sónar 2019 ha ospitato oltre 140 spettacoli musicali distribuiti su 10 palchi (6 al Sónar di giorno e 4 al Sónar di notte) e ha presentato oltre 150 attività e progetti a Sónar + D, con 326 relatori ed espositori.Sónar+D, til congresso internazionale sulla creatività e la tecnologia, inaugurato con un discorso di Robert Del Naja dei Massive Attack, oggi uno degli artisti più sofisticati e rispettati, hanno partecipato 4.600 professionisti provenienti da quasi 2.000 organizzazioni e aziende. La grande accoglienza di seminari e masterclass by  SEAT conferma lo status del congresso come spazio ispiratore in cui i partecipanti vengono a imparare e condividere. Creativi, artisti, imprenditori, investitori, scienziati, programmatori e molti altri protagonisti dell’innovazione si sono incontrati per decifrare, ma anche progettare, le grandi sfide di oggi, come l’intelligenza artificiale, la realtà virtuale o aumentata, il nuovo Internet, i big data e la creazione digitale.Quest’anno Sónar + D si è distinto proponendo un alto livello di dibattito su una preoccupazione in particolare, quella dell’impatto dell’intelligenza artificiale sulla creatività, intesa come un ambito ritenuto fino ad oggi esclusivamente umano, presente trasversalmente al festival, dalla conferenza inaugurale di Robert del Naja all’eccezionale spettacolo di Holly Herndon, incluso uno dei momenti visivi chiave del congresso: l’installazione di Memo Akten.Progetti come l’artwork di realtà virtuale di Laurie Anderson e la qualità dei pezzi presentati nella cupola Sonar360º da MEDIAPRO confermano il ruolo del festival come rampa di lancio di nuovi paradigmi culturali come la cultura immersiva.Le prossime date del Sónar nel mondo sono il Messico (5 ottobre), Atene (11 e 12 ottobre) e Buenos Aires (10 novembre). Nel 2020 il festival si svolgerà a Istanbul a marzo e a Hong Kong ad aprile.