fbpx

Aurora Sander (Ellinor Aurora Aasgaard and Bror Sander Berg Størseth) Aircleaninglady, 2016-17                Courtesy the artist, Photo by Markus Georg/Insitu

Mario Mafai, Natura morta con peperoni, 1951 – Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma

Enzo Mari, Ecolo, 1995 – Alessi Production – Courtesy Museo Alessi

Gaetano Pesce Amazonia Vase, 1997 ca (Edition 2019) – Courtesy Corsi Design

Inaugura il 15 luglio e si protrarrà fino al 29 settembre 2019, la mostra “On Flower Power. The Role of the Vase in Arts, Crafts and Design” alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea  a Roma. Curata da Martí Guixé, esplora in modo radicale e in chiave del tutto anticonvenzionale il territorio ibrido in cui dialogano arte, design e artigianato. On Flower Power pone l’attenzione sul potere empatico del fiore e su come questo fattore emozionale venga rielaborato all’interno delle varie discipline: “Uno sguardo ibrido” afferma Guixé “sull’arte, sull’artigianato e sul design attraverso un oggetto di per sé già trasversale, il vaso di fiori, che diventa anche oggetto empatico proprio per la sua capacità di trovare una complicità emotiva con il suo osservatore. Nella mostra, il vaso di fiori attraverso l’interpretazione dell’artista, dell’artigiano o del designer diventa oggetto empatico e in qualche modo soggetto del nostro prossimo futuro.” In mostra più di ottanta opere che reinterpretano la tradizione e l’iconografia del vaso attraverso il design, la fotografia, la scultura e la pittura. Da quelli dei più significativi protagonisti della scena internazionale del design come Enzo Mari (Cerano, 1932) e Gaetano Pesce (La Spezia, 1939) al Mendini Vase Project, un’opera (prodotta per Alessi nel 1992 dall’architetto milanese Alessandro Mendini) che include i lavori di 100 artisti come Brian Eno, Robert Venturi, Milton Glaser e Ettore Sottsass.

Hella Jongerius, Long Neck and Groove Bottles, 2000 – Courtesy the artist, photo © Gerrit_Schreurs

Il catalogo della mostra è edito da Corraini Edizioni, con i contributi di Martí Guixé, Giuseppe Finessi, Octavi Rofes e Jeffrey Swartz.